Vorrei fare un titolone aggressivo, ma…

… proprio non lo so fare. Ad un’insegnante si addice uno stile serio e pacato, un tono fermo e nello stesso tempo benevolo. Allora perché la tristezza negli occhi, perché un lampo di indignazione? Questo leggo nel viso della dolce collega della scuola di Castelnuovo che aveva in classe i bambini deportati (oops…. mi è scappato un termine politicamente scorretto… sarà pure qua un lampo d’indignazione?). Lei parla di un’istituzione che si fa carico della crescita e dell’arricchimento personale di tutti gli alunni e, soprattutto, della loro tutela. E poi, alla domanda “perché è accaduto?”, lei dice, con garbo, che anche loro, la comunità scolastica e civile, se lo chiedono.

La maestra parla come dovrebbe parlare un membro dello Stato, con i toni e le convinzioni che dovrebbe avere un ministro.

Invece i ministri di questa nostra Repubblica usano locuzioni come “difesa dei confini” (dove sono gli eserciti invasori?), “difesa della sicurezza” (dove nascondono le armi o le cattive intenzioni i ragazzi africani che arrivano nelle nostre classi?) o, nella migliore delle ipotesi, di “divieto dello smartphone per alunni e insegnanti”, come se il “rigore assoluto” fosse una soluzione.

Chi vogliono far contenti? Ah certo… l’elettorato. Che non coincide con la società civile.

Meno male che la maestra di Castelnuovo non è ministro: ha un sacco di lavoro da fare per proteggere e far crescere i suoi alunni.

Collega, siamo in tanti: continuiamo a lavorare nell’istituzione, come dici tu, per le piccole persone che ci vengono affidate, che scendano da un SUV o da un barcone.

È difficile, ma in questo momento la scuola, gli insegna, devono aver chiara la consapevolezza di essere un essenziale presidio di civiltà contro i muri culturali e il razzismo.

Ecco, l’ho detto. Razzismo, si chiama.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...